Cell. +39 333.8604095

Di questi tempi siamo sempre di corsa, con mille impegni, tante cose da fare e il tempo che non basta mai. Giorno dopo giorno, un ritmo di vita così frenetico ci porta a ritrovarci stanchi, stressati e nervosi. Un aiuto per cercare di diminuire stati di ansia e tensioni varie può venirci proprio dal cibo.
Certamente non dobbiamo dimenticare che alla base di tutto vi è sempre un' alimentazione corretta ed equilibrata, ma è bene sapere che alcuni cibi sono più indicati di altri per farci tornare il sorriso e affrontare la quotidianità con un atteggiamento positivo.
Eccone alcuni:
-cavoli, pomodori, agrumi, ribes = ricchi di vitamina C, potente antiossidante, che rafforza le difese immunitarie
-carni rosse, pesce = ricchi di vitamine del gruppo B che aiutano a sentirsi meno affaticati e a combattere lo stress
-banane, frutta secca, cioccolato = ottime fonti dell'aminoacido triptofano che interviene nella sintesi di serotonina, un neurotrasmettitore che porta messaggi biochimici al sistema nervoso, influenzando stati d'animo e comportamenti.
Il cioccolato, in particolare quello fondente, è importante anche per la produzione di un altro neurotrasmettitore: la dopamina, altro ormone associato al buonumore.
Se proprio il cibo da solo non basta per farci tornare il sorriso, si possono prendere in considerazione alcune piante medicinali, come rimedi naturali contro lo stress e gli stati d'ansia quali ad esempio: la Valeriana, il Biancospino o la Melissa.

E' ormai risaputo che l'elevato consumo del sale in cucina è uno dei fattori di rischio per la nostra salute, in particolare ha un ruolo centrale nello sviluppo dell'ipertensione.
Quando mangiamo siamo abituati ad aggiungere sale alle varie pietanze per renderle più gustose e appetitose, nonostante molte di queste lo contengano già. Si può correggere questa cattiva abitudine sostituendo il sale da cucina con spezie ed erbe aromatiche: così facendo si otterranno piatti ugualmente saporiti e la nostra salute ci ringrazierà. Spezie ed erbe aromatiche hanno tanti vantaggi: sono pratiche da usare, causano una minore ritenzione idrica e diminuiscono la pressione. Vanno conservate al riparo da luce, aria e umidità e tenute lontane da fonti di calore. Alcuni esempi:
zenzero, origano, pepe, curcuma, peperoncino...
ZENZERO: ha proprietà antinfiammatorie, antiossidanti, stimola la digestione e la circolazione periferica.
ORIGANO: ha proprietà analgesiche e antisettiche, aiuta il processo digestivo e i suoi infusi sono consigliati contro la tosse.
PEPE: favorisce la digestione e il metabolismo, agevolando l'assorbimento dei nutrienti, ha proprietà antisettiche e stimola la termogenesi.
CURCUMA: possiede proprietà anticoagulanti, antitrombotiche, antipertensive, antinfiammatorie, antidiabetogene ( intolleranza agli zuccheri), ipocolesterolemizzanti , antiossidanti (di molto superiore a quella della vitamina E), antivirali ed epatoprotettive.
PEPERONCINO: migliora la circolazione sanguigna e protegge il sistema cardiovascolare, abbassa il livello di trigliceridi e colesterolo, ha proprietà antinfiammatorie e favorisce la digestione.
E' bene ricordare che non bisognare abusare nell'uso di spezie ed erbe aromatiche per evitare di trasformare i loro benefici in elementi dannosi per la nostra salute.

La melanzana è un ortaggio tipicamente estivo e assai versatile in cucina così che ognuno può consumarlo come più preferisce: fritto, al vapore, al forno, alla griglia o in sughi per la pasta.
100g di melanzane contengono:
92.7g di acqua
1.1g di proteine
0.4g di lipidi
2.6g di fibra
184mg di potassio
33mg di fosforo
26mg di sodio
14mg di calcio
0.3mg di ferro
11mg Vit C
(fonte INRAN)

L'elevata presenza di acqua e sali minerali fanno della melanzana un cibo povero di calorie, di facile digeribilità, ma soprattutto capace di depurare il nostro organismo.
Questo ortaggio, inoltre, è caratterizzato da alcune sostanze amare che, stimolando la produzione di bile da parte del fegato, contribuiscono a controllare i livelli di colesterolo.
Per non abolire tutti questi effetti positivi, è bene sapere che le melanzane possiedono una consistenza spugnosa e quindi assorbono i vari condimenti usati per cucinarle, in particolare quelli grassi, perdendo la loro leggerezza, perciò occhio a non esagerare.
Questo ortaggio, inoltre, non può essere consumato crudo, perché contiene una sostanza tossica per l'organismo, la solanina, che, se ingerita in grandi quantità, può causare effetti negativi sia sulla mucosa gastrica sia sul sistema nervoso. Solo con la cottura si elimina la solanina presente.

Sulle nostre tavole, in primavera avanzata, iniziano a comparire gustosi frutti rossi, che piacciono tanto a grandi e piccini: le fragole.
100g di fragole contengono:
90.5g di acqua
0.9g di proteine
0.4g di lipidi
5.3g di carboidrati
1.6g di fibra
2mg di sodio
160mg di potassio
0.8mg di ferro
35mg di calcio
28mg di fosforo
54mg di vitamina C
(fonte INRAN)

La fragola presenta molte qualità positive per il nostro organismo, oltre ad appagare i nostri sensi, soprattutto il gusto, regalandoci una bella sensazione di piacere quando la mangiamo.
Ha un elevato potere antiossidante, grazie alla presenza su tutti delle antocianine.
Le antocianine sono dei pigmenti che le conferiscono il caratteristico colore rosso e che agiscono contro i radicali liberi; insieme all'elevato contenuto di vitamina C, questi pigmenti combattono l'invecchiamento della pelle, mantenendoci giovani e rafforzando le nostre difese immunitarie.
La fragola è, inoltre, ricca di minerali in particolare calcio, ferro e potassio ed é un alimento importante in chi soffre di reumatismi.
Aiuta a contrastare i livelli eccessivi di colesterolo nel sangue e contribuisce a mantenere sotto controllo la pressione.
La fragola, poi, grazie all'elevato contenuto di acqua, che permette una buona idratazione delle nostre cellule, e a quello della fibra, che aiuta a regolare il nostro intestino riducendo l'assorbimento di zuccheri e grassi, può essere introdotta nell'alimentazione di chi desidera perdere qualche chilo.
Contiene infine lo xilitolo, una sostanza dolce che aiuta a prevenire la placca dentale e a combattere i germi che causano un alito cattivo.
Nonostante tutte queste caratteristiche positive appena elencate, è bene ricordare, però, che è sconsigliato un abuso eccessivo di fragole, poiché questo potrebbe scatenare delle reazioni allergiche.